Festival del cinema di Venezia: in concorso "Il Buco" film sull'abisso del Bifurto

on .

 

 

 

Oggi la Prima del Film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino, in concorso al Festival di Venezia. Per la prima volta la Speleologia sfila sul prestigioso Red Carpet

Il grande giorno è arrivato. Stasera la Prima del Film “Il Buco” , che racconta la straordinaria prima esplorazione dell’Abisso del Bifurto del 1961.  In rappresentanza della Società Speleologica Italiana, che ha patrocinato il progetto e fornito supporto tecnico alla troupe, sarà presente il Presidente Sergio Orsini: “Michelangelo ha più volte detto che per questo film teme più il giudizio di noi speleologi che dei critici, ma non possiamo che essere orgogliosi e grati di aver avuto l’opportunità di dare il nostro supporto alla realizzazione del suo prezioso progetto che secondo lo stesso direttore del Festival ‘ha la purezza di un diamante’. In quanto esploratori a noi speleologi piacciono le sfide, e questo film era una sfida, perché ha tentato di raccontare al mondo fuori la nostra esperienza quotidiana lì sotto,  le percezioni, la passione  e le nostre motivazioni, nonostante per loro stessa natura siano ostili alla cinepresa e al linguaggio cinematografico, basti pensare agli spazi angusti, all’assenza di luce, all’ambiente estremo. E noi  non possiamo che essere grati di questo coraggioso e onesto sforzo, e siamo qui stasera per testimoniarlo”.

Gli speleologi che parteciparono nel 1961 alla grande impresa della scoperta dell’Abisso del Bifurto insieme agli speleologi che hanno partecipato al film in concorso a Venezia IL BUCO, stasera 4 settembre, sfileranno sul red carpet con il regista Michelangelo Frammartino

Quando, nel 1961, i giovani esploratori del Gruppo Speleologico Piemontese

torinese, raggiunsero lo sconosciuto entroterra calabrese del Pollino, dovettero consultarsi con dei semplici pastori locali, per individuare gli accessi al mondo sotterraneo, poiché qualunque mappa in loro possesso, riproduceva solo la superficie. E gli ambienti sotterranei che gli speleologi immortalarono nei grafici di rilievo, erano, fino allora, ignoti anche allo stesso I.G.M. (Istituto Geografico Militare).

Grazie a loro venne scoperta coi suoi 700 metri quella che allora fu considerata una delle grotte più profonde del mondo, l’Abisso del Bifurto.

È così mentre negli anni del boom economico nel prospero nord Italia veniva costruito l'edificio più alto d'Europa, all’altra estremità del paese un manipolo di giovani intraprese un viaggio verso gli abissi, a ritroso nella civiltà, nel tempo e nello spazio, in quel Meridione che tutti stavano abbandonando .

Accompagneranno il film in concorso, Leonardo Zaccaro, Jacopo Elia, Luca Vinai, Denise Trombin, Mila Costi, Claudia Candusso, Giovanbattista Sauro, Federico Gregoretti, Carlos Josè Crespo, Enrico Troisi, Angelo Spadaro, Paolo Cossi - gli speleologi che hanno partecipato al film, immergendosi nelle profondità con il regista Michelangelo Frammartino, la sceneggiatrice Giovanna Giuliani, il direttore della fotografia Renato Berta e la troupe, ma anche – testimoni d’eccezione - gli speleologi veterani Giuseppe De Matteis e Giulio Gècchele, che guidarono la prima spedizione nel 1961.

Il film prodotto da Marco Serrecchia, Michelangelo Frammartino, Philippe Bober è una produzione Doppio Nodo Double Bind con Rai Cinema, in coproduzione con Société Parisienne de Production, Essential Filmproduktion con il sostegno di MIC - Direzione Generale Cinema, Eurimages,  Calabria Film Commission, Regione Lazio, CNC - Aide Aux Cinémas Du Monde, Arte France Cinéma, ZDF/ART, Medienboard Berlin Brandenburg, Cinereach con la collaborazione e il patrocinio di Parco Nazionale del Pollino, Comune di San Lorenzo Bellizzi e la Società Speleologicia Italiana, sarà distribuito nel mondo da Coproduction Office e in Italia da Lucky Red.

 

https://www.corriere.it/spettacoli/cinema-serie-tv/mostra-del-cinema-venezia/21_settembre_04/quell-impresa-speleologi-687-metri-cuore-terra-16133202-0d9d-11ec-94b3-ee97ec98a47b.shtml?fbclid=IwAR2_iC7-6agth5oM1j812vl6TlDEyroeir9pYMwnwY2Mn1RLnGN4x4UVO_I

https://www.ansa.it/calabria/notizie/2021/08/27/venezia-per-il-buco-arrivano-speleologi-che-fecero-scoperta_98b1b2b6-e2d8-4066-a756-8a4b5239c479.html

Scheda del film

Dove Siamo

Sede
c/o Università di Bologna
via Zamboni 67 - 40126 - Bologna
Sede operativa
via Enrico Mattei, 92 - 40138 - Bologna
Indirizzo postale
Segreteria SSI CP 6247, 40138 - Bologna
Tel +39 051 534657 (lu-ve 15-17)
Fax +39 051 0922342
Mail: infoATsocissi.it
Mail PEC: segreteriaATpec.socissi.it

Facebook
Instagram
You Tube

Contatti

Codice fiscale 80115570154
Partita Iva 02362100378

 

 

 

Benvenuto sul sito della SSI!

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Cliccando sul pulsante "Accetta tutti i cookies" puoi acconsentire al loro utilizzo in conformità alla nostra privacy e cookie policy.