Progetto WISH

Obiettivi

Il WISH (Web Information System Hyperlink) è il progetto nato con l'obiettivo di rendere fruibile e consultabile sul web il Catasto Nazionale delle Grotte d’Italia tramite un portale creato su piattaforma GIS.

Il WISH è stato proposto dalle Federazioni Speleologiche di Campania e Veneto alla riunione (Tavolo Permanente) della Società Speleologica Italiana (SSI) e delle Federazioni Speleologiche Regionali (FSR) di Bologna del 1 marzo 2008; in quell'occasione la SSI e le FSR hanno stilato un protocollo d'intesa per la costituzione di un Gruppo di Lavoro per la definizione di standard, strumenti e metodologie finalizzate a realizzare il Portale delle Grotte d'Italia.

Al momento hanno aderito al progetto le Federazioni di Campania, Veneto, Puglia, Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Valle d'Aosta, Umbria, Sicilia, Abruzzo.

Altre Federazioni, pur condividendo le finalità del progetto, non hanno al momento aderito in quanto hanno un catasto non ancora informatizzato o addirittura non del tutto strutturato.

Di fatto un altro importante obiettivo del WISH è quello di esportare le esperienze e le buone pratiche da una federazione all'altra, portando i catasti allo stesso grado di informatizzazione.

Il WISH è un progetto ambizioso che mira al completamento dei dati per tutto il territorio nazionale; esso è in continua evoluzione, è opportunità per uniformare i catasti regionali e stimolo per le Federazione a far funzionare i catasti e "mettersi in rete" con le altre FSR.

Struttura

Il portale permette la navigazione e la consultazione dei dati a livello nazionale, la ricerca di informazioni generali e statistiche, la ricerca speleometrica, ecc., rimandando invece - tramite link - la ricerca puntuale e di dettaglio ai webGIS regionali, esistenti o in via di creazione.

La struttura del WISH prevede un portale in cui si possono fare alcuni tipi di ricerche (es. ricerche di tipo speleometrico, ricerche sui catasti speciali, etc.) a livello nazionale; ricerche di tipo geografico possono essere invece eseguite da un livello regionale fino a comunale; mentre, per avere informazioni e dettagli oltre il livello comunale, bisognerà accedere ai singoli webGIS dei siti delle FSR aderenti al progetto.

Il portale si presenta quindi come una base di consultazione dei dati consuntivi delle singole realtà regionali, fermandosi come indagine territoriale al livello comunale; sono possibili ricerche generali, statistiche e riassuntive sui dati nazionali e delle singole regioni. Nella cartografia pubblicata nel webGIS, è possibile navigare sulle singole realtà regionali, cercando la grotta più profonda o quella più estesa, la provincia o il comune con più grotte, dati sono forniti solo in formato tabellare e l’eventuale ubicazione è a livello regionale e/o comunale.

Una consultazione approfondita, il vero e proprio webGIS, sarà resa possibile da un link che rimanderà al relativo webGIS regionale, dove presente, con le caratteristiche, il dettaglio cartografico e le informazioni con cui esso è stato realizzato.

Il progetto è implementabile e per il futuro si prevede di inserire altri dati relativi a: presenza di grotte turistiche, grotte classificate come SIC (siti di importanza comunitaria) e quelle che rientrano in altri catasti speciali (inquinate, distrutte, marine, etc.).